Cosmetici: meglio se naturali e biologici

1 luglio 2016 Cosmesi naturale 0

I cosmetici biologici si avvalgono unicamente di ingredienti naturali, provenienti dalla distillazione delle piante aromatiche o dalla lavorazione di estratti secchi o freschi di origine vegetale; non contengono coloranti, conservanti, né sostanze potenzialmente dannose e cancerogene come derivati di origine sintetica che rilasciano formaldeide o PEG PPG o siliconoidi, paraffine e derivati che si possono trovare nei cosmetici tradizionali.

Fino al decennio scorso (e in molti brand purtroppo ancora oggi) i prodotti cosmetici di successo erano caratterizzati da una base di silicone, che garantiva una piacevole sensazione dell’emulsione a scapito di una reale efficacia del prodotto e con inoltre un grave danno ecologico, poiché il silicone non è biodegradabile.

Negli ultimi anni l’affermarsi della cosmesi biologica ed ecologica propone prodotti realizzati esclusivamente con componenti ecocompatibili.

cosmetici

Noi non riteniamo corretto mettere sulla nostra pelle un prodotto che non è compatibile con l’ambiente di cui siamo parte integrante e la nostra ricerca rispecchia ciò che il costume attuale richiede: un benessere reale e una cura di sè non fittizia, nel rispetto dell’uomo e della natura.

La certificazione di cosmetico biologico garantisce l’intera filiera di produzione, dalle materie prime utilizzate, alla corretta modalità di estrazione dei principi attivi, fino alla sicurezza di una completa compatibilità con la pelle del prodotto finito. L’ obiettivo dev’essere quindi di sviluppare prodotti altamente performanti, di alta qualità ed efficacia, eudermici, biologici ed ecologici. I cosmetici naturali e biologici devono inoltre essere gluten free, nichel tested e non testati sugli animali.

Sostenibilità, dermocompatibilità ed efficacia sono le parole chiave che identificano la cosmesi biologica ed ecologica e i criteri guida che devono caratterizzare la produzione di un cosmetico naturale.

I cosmetici biologici e naturali sono caratterizzati da:

-Presenza di un principio attivo naturale, come l’aloe vera, l’estratto d’uva, gli oli essenziali o estratti vegetali.

-Presenza di eccipienti naturali, come ad esempio olio d’oliva o grassi vegetali e assenza di eccipienti derivati dal petrolio (es. paraffina o petrolatum).

Presenza di adiuvanti e additivi naturali come ad esempio l’acido citrico, usato come conservante.

-Scadenza a breve termine perché non contengono conservanti sintetici., Di media un prodotto naturale dovrebbe essere consumato entro 4-6 mesi dall’apertura e dovrebbe essere conservato in ambienti senza sbalzi di temperatura ed al riparo dalla luce diretta.

Maurizio Ceriani

Fonte www.rivistanatura.com